Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Notizie

In Cina stop al passeggio col cane nello Yunnan. Al terzo sgarro scatta la soppressione

Stop ai cani in passeggiata nel distretto dello Yunnan, in Cina. Multe per le prime due infrazioni, sequestro e immediata soppressione del cane alla terza. La norma scatta dal 20 novembre 2020 e si incanala nelle politiche di riduzione della presenza di animali domestici soprattutto in ambiente urbano.

Ma mentre Shanghai, Qingdao e Chengdu si sono limitate a imporre il limite di un solo cane a famiglia e Hangzhou consente di passeggiare solo di notte e coi cagnolini piccoli, qui il giro di vite è di draconiana evidenza. La circolare emanata dalla provincia sudoccidentale della Cina è del 13 novembre 2020. Recita che “i cani vanno tenuti in casa per tutto il giorno, promuovendo così un modo civilizzato di allevarli”.

L’iniziativa assume appiglio diretto da episodi di persone morse e zuffe tra quattro zampe e, in conseguenza, tra i proprietari. La stessa Cina – dove ancora in molte regioni, tra cui Yunnan, il cane è considerato come animale da redditto e destinato ai macelli – è stata percorsa da uno sciame di proteste.

 

Ti è stata utile questa lettura?

 
Le opinioni dei nostri lettori sono importanti per noi. Se hai ritenuto interessante questa lettura, ti invitiamo a darci un voto semplicemente cliccando sulle stelle che seguono.
 
0 / 5 (0 voti)

Leggi anche:

“Addio al cane Lapo”, la Croce Rossa di Follonica in lutto per la perdita del volontario a quattro zampe

Monica Nocciolini

Allevamenti dell’orrore, 270 cani salvati in una maxi operazione della polizia

Monica Nocciolini

Il cane Ettore giù dalla Mercedes sulla A24 corre invano dietro all’auto. Proprietari denunciati per abbandono

Monica Nocciolini

Anche i cani hanno la crisi di mezza età. Ecco lo studio che lo dimostra

Monica Nocciolini

Spara al dog sitter e rapisce i cani di Lady Gaga

Monica Nocciolini

Spedivano cuccioli in scatola, strage in Cina: soffocati e di stenti muoiono in 5mila

Monica Nocciolini