Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Salute

Come curare l’otite nei cani, un problema molto frequente

Come curare l'otite nei cani

Che si tratti di un Beagle, un Cocker Spaniel, un Segugio, oppure di un Barboncino, uno Shih Tzu o un Bolognese, dovrai spesso fronteggiare un orecchio infiammato, per cui capire come curare l’otite di Fido è quanto mai importante.

Quelle appena citate sono tra le razze maggiormente predisposte, per via della grande quantità di pelo presente nel padiglione auricolare, che favorisce l’accumulo di sporcizia, umidità e polvere.

Tra i sintomi predittivi che bisogna imparare a cogliere figurano:

  • scuotimento insistente e costante della la testa
  • grattamento spasmodicamente dell’orecchio
  • inclinazione della testa dal lato dolorante
  • fastidio alla manipolazione.

L’infezione del condotto uditivo può colpire l’orecchio esterno, medio o interno, ed essere provocata da:

  • batteri che possono penetrare nel canale auricolare a causa di forasacchi, accumulo di cerume, eccessiva umidità
  • allergie alimentari
  • corpi estranei
  • parassiti, come ad esempio gli acari delle orecchie, che si annidano all’interno del cerume e causano molto prurito.

Quando la condizione diviene particolarmente seria all’interno del canale auricolare compare cerume nero e maleodorante, e addirittura sangue.

E se la situazione degenera si può forare il timpano e trasformare in un’otite media che, in ultima istanza, potrebbe provocare sordità o comunque cronicizzarsi, ripresentandosi ciclicamente.

Come curare l’otite nei cani con farmaci o rimedi naturali

Quello che si può fare in autonomia è la prevenzione, che consiste nel:

  1. pulire con frequenza le orecchie con prodotti detergenti appositi
  2. asciugare sempre accuratamente le orecchie bagnate.

Per il resto non c’è spazio per il fai-da-te: alle prime avvisaglie di mal d’orecchi occorre portare Fido dal veterinario, che dovrà scongiurare la presenza di eventuali corpi estranei (che qualora ci fossero andrebbero chiaramente rimossi), e valutare l’integrità del timpano (onde evitare prodotti molto oleosi sconsigliati in caso di perforazione).

Tra i medicinali prescrivibili, a seconda della causa: antibatterico, antimicotico o antiparassitario in gocce, oltre ad un antidolorifico, oppure antibiotico in caso di lesioni al timpano e otite cronica.

Nei casi meno gravi si può optare per rimedi naturali: preparati a base di calendula, olio di melaleuca e gocce ai propoli.

Ecco chiarito come curare l’otite nell’amico a quattro zampe…

 

Ti è stata utile questa lettura?

 
Le opinioni dei nostri lettori sono importanti per noi. Se hai ritenuto interessante questa lettura, ti invitiamo a darci un voto semplicemente cliccando sulle stelle che seguono.
 
0 / 5 (0 voti)