Shetland Sheepdog



Lo shetland sheepdog è un cane che viene spesso confuso con il collie (pastore scozzese), ma che è ben altra cosa nonostante la somiglianza evidentemente spiccata.

Shetland sheepdogLo shetland sheepdog è una razza poco conosciuta per quello che meriterebbe, anche se recentemente sta prendendo piede anche come cane da pastore. Ovviamente, in linea con i tempi moderni, lo shetland sheepdog raggiunge grande popolarità soprattutto come cane da compagnia per via della somiglianza con il cane da pastore scozzese; in pratica, chi non può prendere il collie per motivi di spazio, ripiega sul suo sosia in miniatura. In realtà non è detto che piccola taglia significhi saper accontentarsi di poco (anzi, spesso è il contrario) e che le grandi taglie abbiano bisogno di chissà quali case…

La storia e le origini dello shetland sheepdog

Le origini dello shetland sheepdog sono molto simili a quelle del cane da pastore scozzese perché, infatti, varie volte le due razze si sono ‘scontrate’ e accorpate. Con questo spieghiamo di sicuro la spiccata somiglianza che dai più inesperti fa addirittura confondere le due razze o considerare lo shetland sheepdog una variante in miniatura del pastore scozzese. E’ assolutamente vero che lo shetland sheepdog è stato incrociato con il Rough Collie quando era ancora definito il ‘cane dei balenieri’, come tutte le taglie piccole che potevano vantare le stesse caratteristiche dello shetland sheepdog di oggi.
Soltanto in seguito si prestò grande attenzione alla selezione perché questo cane potesse diventare un cane da pastore, come difatti in seguito è diventato, dimostrando anche una particolare attitudine per questo ruolo, magari attribuito soltanto unicamente ai cani di grande taglia. Lo shetland sheepdog ha inconsapevolmente dimostrato che ciò che conta è la capacità, nei cani da pastore, e che non è questione di dimensioni. Questa razza si è informata nelle
Isole Shetland, come dimostra il nome. Il nome italiano dello shetland sheepdog è il Pastore delle Shetland proprio per questo motivo. Lo shetland non deriva unicamente dal Rough Collie ma anche da alcuni spaniel e probabilmente anche da cani primitivi come lo spitz. L’idea che comunque lo shetland sheepdog fosse soltanto un ‘prolungamento’ del cane da pastore scozzese non è così recente: nel 1906, infatti, uno dei primi esemplari ben fissati di questa razza venne portato alla più importante ed annuale esposizione britannica e venne considerato anche dai giudici semplicemente una variante miniaturizzata del cane da pastore scozzese. La razza riscosse un discreto successo ma raggiunse uno massimo splendore nel 1908 quando gli allevatori, dopo aver fissato con maggiore chiarezza uno Standard, richiesero il riconoscimento al The Kennel Club: la richiesta venne respinta con forza a causa del fatto che il nome attribuito all’epoca era Shetland Collie. Gli allevatori del pastore scozzese si ribellarono per la somiglianza non solo estetica ma anche nel nome, così il riconoscimento venne ulteriormente ritardato. Nel 1914 questa razza divenne shetland sheepdog e grazie a questo piccolo cambiamento di nome poté essere finalmente approvata e riconosciuta come razza a sé stante. Negli anni successivi vennero applicati piccoli cambiamenti che però non modificarono profondamente l’essenza della razza.

Il carattere e la vita dello shetland sheepdog

Pur essendo appunto molto piccolo in confronto al ‘cugino’ cane da pastore scozzese, non è un cane da compagnia per eccellenza come si pensa che sia: di sicuro lo è e lo può essere senza alcun problema, ma in realtà questa razza da’ il meglio di sé come cane da lavoro e di questo conserva tutte le caratteristiche migliori.Infatti è un cane molto robusto sia caratterialmente sia dal punto di vista fisico, infatti non è incline ad ammalarsi e spesso può affrontare anche i climi e le situazioni più rigide uscendone indenne, ma questo non significa che sia il cane adatto per vivere costantemente in giardino. L’essenziale, infatti, anche per cani come questo, è l’interazione con il proprietario: il cane è un animale sociale e tranne pochissime eccezioni deve comunque avere a che fare con il proprietario, interagire con lui e di conseguenza con il branco. Né lo shetland sheepdog né la stragrande maggioranza delle altre razze possono essere lasciati in giardino eternamente.
E’ molto attivo e per questo motivo bisogna fargli svolgere la dovuta attività fisica, anche se questo non preclude una convivenza serena anche tra le mura domestiche di un appartamento: va bene in ogni ambiente sufficientemente spazioso, ma bisogna sempre ricordare che è un cane attivo che deve fare le sue passeggiate quotidiane per essere sereno e sfogare le sue energie. Quello che i cani non possono fare fuori, molto spesso lo fanno in casa e tutto l’arredamento verrebbe distrutto, a parte il fatto che non è giusto nei confronti dell’animale domestico metterlo in un ambiente che non soddisferà mai le sue esigenze.
Una cosa che bisogna tenere in considerazione quando si progetta di acquistare un cane come questo è il fatto che bisognerà prestare cura al mantello che va regolarmente spazzolato per evitare la formazione di nodi e, nel caso, va anche toelettato e affidato alle mani di un professionista. Lo
shetland sheepdog è un cane meraviglioso ma non è per tutti, proprio per via del fatto che conserva il suo carattere e le sue attitudini da pastore.

Commenta

Your email address will not be published.