Barboncino Toy



Il barboncino toy, altrimenti chiamato poodle, è una varietà di Barbone diventata famosa per il suo carattere e per le sue piccole dimensioni.

Barboncino ToyIl barboncino toy, pur essendo un cane di piccole dimensioni e dall’aspetto ben poco “cacciatore”, nasconde un carattere da ex cane da riporto in acqua, un carattere che non ha nulla da invidiare a quelli di cani di grossa taglia, che vengono presi molto più sul serio del Barbone che invece è ricco di qualità…

La storia e le varietà
Sebbene molto frequentemente si parli di “barboncino” per identificare questa razza, in realtà è sempre necessario fare le dovute distinzioni per quanto riguarda tutte le categorie che in verità esistono. Prenderemo in analisi nello specifico il barboncino toy, ma c’è da ricordare che nel caso ne volessimo acquistarne uno, sarà bene andare a rivolgerci ad un allevamento specializzato che si occupi di una varietà di un’unica taglia di questa razza canina. Generalmente gli allevamenti multipli, per forza di cose, non si concentrano sulla razza specifica nel dettaglio ma si occupano ovviamente anche degli altri cani presenti in allevamento, e questo potrebbe causare problemi se l’allevamento non è sufficientemente serio. Tutto questo per dire che bisogna essere orientati sin dal principio sul barboncino toy, perché se cerchiamo un cane di grande taglia ma il nostro ideale di quattrozampe è comunque quello del barboncino, allora potremo scegliere il Barbone grande mole, che pur avendo l’aspetto del toy è di dimensioni molto più grandi. Allo stesso tempo, il barbone taglia media è di taglia leggermente inferiore a quello grande mole, così come quello nano è solo un po’ più grande di quello toy. In fondo alla scaletta delle taglie si trova il più piccolo, proprio il barboncino toy, che si è diffuso straordinariamente proprio per via della sua piccola taglia. Doveroso precisare che insieme a poche altre razze il barboncino è l’unico a poter essere “toy”: non esistono chihuahua toy, men che meno maltesi toy. Sono cuccioli molto probabilmente malati che da allevamenti non degni di essere chiamati tali, molto probabilmente senza riconoscimento ENCI e illegali, spacciano per cuccioli maggiormente pregiati da far acquistare a prezzo superiore.
La storia del barboncino è quasi dubbia, perché, sebbene ormai si sia quasi convinti della sua discendenza dal
Barbet, cane francese, ci sono anche dei dubbi su una possibile origine tedesca. Inizialmente era impiegato come cane da riporto in acqua, nel caso specifico per la caccia alle anatre, come dimostra il suo nome francese, “caniche”: deriva da chien canne, cane da canna. Nonostante questa sua predisposizione venatoria, la sua attività di cacciatore anticamente molto pratica è stata ora del tutto archiviata, al punto che la Federazione Cinologica Internazionale lo classifica come “Cane da compagnia”, senza lasciare troppo spazio all’immaginazione. Il suo passato da cane da riporto è quasi dimenticato, se non fosse per l’attrazione verso l’acqua e per la capacità di riportare palline come se fossero prede. Anche se il barboncino era presente, secondo alcuni ritrovamenti, già dal Medioevo, raggiunse grande popolarità quando la regina Anna d’Inghilterra conobbe questa razza innamorandosene anche per i trucchi che riusciva ad imparare. Durante la Seconda Guerra Mondiale, questa razza raggiunse una seconda grande popolarità per via dell’utilizzo di cani-soldato, soprattutto barboncini, che apparivano anche nei cartelli negli Stati Uniti per il reclutamento di cani-soldato.

Il carattere e la vita con il barboncino
Se a primeggiare nella classifica dei cani più intelligenti c’è da sempre il border collie, che non intende mollare la sua posizione, non si schioda dal secondo posto proprio il barboncino, specialmente nelle sue varianti più piccole, come quello toy. Parliamo di un cane di cui molto spesso vengono sottovalutate le capacità: è soprattutto il barboncino toy ad essere “preso di mira” da leggende secondo le quali si tratterebbe soltanto di un cane da borsetta, molto carino, con un pelo da spazzolare tutti i giorni, ma niente di più. È un cane intelligente, dalla mente che dev’essere continuamente stimolata, assolutamente addestrabile e a cui piace molto avere dei compiti da portare a termine. Questo perché è un cane davvero brillante, come il border collie, ed oltre ad aver bisogno di attività fisica necessita anche di avere quotidianamente attività stimolanti, come l’obedience. Per lui è consigliata e assolutamente perfetta la convivenza con i bambini, sicuramente non si presenteranno problemi con i piccoli di casa per via del suo ottimo carattere, la sua allegria e la sua continua voglia di giocare e divertirsi. Le femmine sono più tranquille dei maschi, in genere, e questi ultimi dopo la castrazione diventano leggermente più docili; a parte tutto questo, ad influire realmente sul carattere del cane è l’educazione impartita sin dai primi mesi di vita.
La vita con il barboncino è una vita come qualunque altra che includa una convivenza con un cane intelligente e allegro. Una particolare attenzione va dedicata alla toelettatura, perché oltre ad una spazzolatura quotidiana ci sarà bisogno del taglio del pelo che continua a crescere, proprio come succede con i capelli agli umani nelle esposizioni sono caratteristiche le “acconciature” che prevedono che il pelo venga completamente rasato in alcune zone, come quasi tutta la coda tranne il pon-pon in cima: questo ora ha soltanto motivazioni estetiche mentre in passato era fondamentale per facilitare il lavoro del barboncino. Ovviamente, qualora non volessimo far andare alle esposizioni il nostro barboncino, potremo lasciare il pelo al naturale o tagliarlo come meglio preferiamo. Il barboncino toy ha una vita media di circa 15 anni, e dopo la morte per vecchiaia la causa più frequente è l’insufficienza renale, patologia che colpisce particolarmente questa marca. Pur essendo di taglia piccola, i barboncini sono soggetti alla diplasia dell’anca. La vita insieme al barboncino sarà molto probabilmente frenetica, in alcuni casi complessa per via dell’educazione, ma sarà sicuramente un cammino ricco di soddisfazioni e allegria.

Commenta

Your email address will not be published.