Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Educazione

Convivere con più cani: cosa bisogna sapere

Convivere con più cani

Dopo aver convissuto con un cane, probabilmente ci verrà voglia di prenderne un altro: può essere una voglia scaturita dalla voglia di salvare un cane dal canile oppure può essere una conseguenza della passione che proviamo per una determinata razza. E poi, uno tira l’altro… Ma è possibile convivere con più cani? Cosa bisogna fare?

Convivere con più cani: come decidere

E’ normale un po’ di indecisione quando dobbiamo compiere un passo così importante. Ci sono diverse cose a cui pensare quando decidiamo di aggiungere un altro cane alla nostra famiglia: in primo luogo è necessario considerare quali sono le reazioni del nostro animale domestico quando, nel suo territorio, entra un suo simile.

E’ consigliato infatti fare delle prove di convivenza, anche attraverso altri cani. Ad esempio, possiamo chiedere ad un amico o un vicino di casa di lasciarci il suo cane per un po’ di tempo, ovviamente sotto la nostra stretta supervisione, per verificare la reazione del nostro cane. Se ci siamo rivolti ad un’associazione, sarà possibile richiedere il cane che abbiamo scelto in stallo e non direttamente in adozione: in questo modo potremo ‘testare’ la convivenza e, se dovesse poi andare male, avremo tempo di terminare lo stallo e far iniziare un percorso rieducativo al nostro amico a quattro zampe.

Quando si svolge il primo incontro, lasciamoli senza guinzaglio e, anche se un po’ di tensione sarà normale, cerchiamo di mostrare positività e di dominare l’ansia, altrimenti sarà percepita dai cani. E’ normale qualche abbaio, dei guaiti o dei gemiti di diverso tipo: al principio è anche possibile un atteggiamento aggressivo, l’essenziale è che dopo qualche minuto la convivenza si dimostri fattibile.

Cosa fare dopo l’arrivo del nuovo cane

Convivere con più cani può rivelarsi di sicuro complesso e stancante, ma è un’esperienza, in conclusione, davvero soddisfacente. E’ possibile che all’inizio (ed anche per molto tempo a venire) abbiano luogo delle lotte di dominanza: non rimproveriamo nessuno dei due cani quando queste avvengono, ma non occupiamo mai un grado inferiore nella gerarchia. Dobbiamo essere degli ‘alfa’ e quindi comportiamoci come tali: usciamo per primi dalla porta, mangiamo per primi ed effettuiamo degli esercizi di addestramento ogni giorno (vanno bene i comandi base).

I momenti più difficili da gestire nella convivenza con più cani, soprattutto per i primi tempi, sono quelli durante i pasti. I cani possono andare d’accordo tutto il giorno ma è possibile che, al momento di mangiare, si scateni dell’aggressività: è inutile provare a sedarla perciò dobbiamo soltanto provare a cambiare le regole, dando ad entrambi la stessa pietanza nello stesso momento e creando due spazi differenti. Vanno bene anche due stanze diverse, se vogliamo, ed ovviamente mai far mangiare i due contendenti dalla stessa ciotola, o ci sarà necessariamente una lotta per nutrirsi di più.

Se notiamo dei problemi di aggressività e convivenza, non gettiamo la spugna e se ci rendiamo conto di non riuscire a gestire da soli la convivenza, rivolgiamoci all’educatore cinofilo. Soprattutto se abbiamo adottato un cane adulto, corriamo il rischio di traumatizzarlo fortemente se lo facessimo andar via dalla nostra casa, riportandolo magari all’associazione  da cui l’avevamo adottato.

 

Ti è stata utile questa lettura?

 
Le opinioni dei nostri lettori sono importanti per noi. Se hai ritenuto interessante questa lettura, ti invitiamo a darci un voto semplicemente cliccando sulle stelle che seguono.
 
4.33 / 5 (6 voti)

Leggi anche:

Come gestire il cane dominante

redazione

Come avvicinare un cane

redazione

Ansia da separazione nel cane, cosa fare

redazione

Cane cambia carattere dopo l’arrivo in casa: è vero?

redazione

Come educare il cane a non scappare

redazione

‘Calming signals’, cosa sono e come si riconoscono

redazione