Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Alimentazione

I cani possono mangiare le verdure? Cosa sapere

I cani possono mangiare le verdure

Quando si pensa al cane, ci si immagina una specie di lupo carnivoro che non ha nessuna necessità di inserire le verdure nella sua alimentazione. In realtà il nostro animale domestico non può avere un’alimentazione basata esclusivamente sulla carne. I cani possono mangiare le verdure, quindi? La risposta è assolutamente sì, ma prestando attenzione ai tipi.

I cani possono mangiare le verdure? Ecco quali

Le verdure in linea generale devono essere sempre assunte, anche e soprattutto per la presenza di fibre e antiossidanti. Specialmente questi ultimi fanno bene nella prevenzione dell’invecchiamento. Ecco per quale motivo è sempre preferibile inserire le verdure nella dieta del nostro animale domestico.

Ci sono delle verdure che sono vivamente sconsigliate, come per esempio la cipolla e l’aglio, che possono fare molto male al nostro cane. Tutte le altre verdure presenti non hanno gravi controindicazioni: al massimo se somministrate in quantità eccessiva possono provocare diarrea, e verdure come l’insalata possono causare soffocamento se vengono servite intere al cane oppure non opportunamente sminuzzate.

I cani possono mangiare le verdure, quindi, a patto che si presti attenzione alle modalità di somministrazione. Particolarmente consigliati gli spinaci ed anche i fagiolini, ma soprattutto la zucca negli esemplari che soffrono di costipazione oppure obesità. I benefici dati dal sedano sono davvero moltissimi per cani di tutte le età, e può essere anche spassoso per l’animale sgranocchiarlo. I piselli e le carote non devono mancare in una dieta sana ed equilibrata, e queste ultime sono particolarmente consigliate per la rimozione della placca e del tartaro dei cani, che si divertono a masticare quelle sbucciare anche molto a lungo.

La lattuga e la verza possono avere addirittura proprietà analgesiche, ma in questo caso è davvero imperativo tagliare dei piccoli pezzi con attenzione, per evitare l’asfissia che è purtroppo frequente soprattutto nei soggetti ingordi che tendono ad ingoiare senza masticare con attenzione.

Come somministrare le verdure al cane

Il cane è un animale prevalentemente carnivoro, sebbene come detto frutta e verdura debbano essere presenti nella sua alimentazione. Facciamo in modo che la quantità di verdure che gli somministriamo non sia superiore al 20% della sua dieta.

Verifichiamo che la verdura non sia presente nel cibo secco o umido che il cane mangia ogni giorno: se c’è, avrà una necessità inferiore di mangiarne fresca a parte, a meno che non siamo costretti a calcolare da zero nel caso di un’alimentazione casalinga. La frutta deve essere lavata, sbucciata, tagliata, devono essere eliminati tutti i semi e i noccioli: una particolare attenzione soprattutto alle dimensioni, che devono essere ridotte in maniera tale da scongiurare il pericolo del soffocamento.

Un consiglio importante è anche quello di variare con i tipi di verdura: non ne esiste solo una, ed è preferibile quindi cambiare spesso. Aggiungiamola al suo cibo oppure diamogliela a parte come ricompensa o quando ha finito di mangiare. Non esageriamo con le quantità oppure potremmo causare problemi intestinali all’animale, che non necessita di chili di verdure per essere in salute: va bene una porzione ragionevole una o due volte a settimana.

Se vogliamo far seguire una dieta casalinga e quindi interamente gestita da noi al cane, è meglio rivolgersi al veterinario.

 

Ti è stata utile questa lettura?

 
Le opinioni dei nostri lettori sono importanti per noi. Se hai ritenuto interessante questa lettura, ti invitiamo a darci un voto semplicemente cliccando sulle stelle che seguono.
 
4.50 / 5 (2 voti)

Leggi anche:

Il cane puzza: perché e cosa fare

redazione

Il cane mangia le feci: perché e cosa fare?

redazione

Come prevenire la rogna nel cane

redazione

Come prevenire la carie nel cane

redazione

Cosa fare quando il cane non mangia?

dogitpanel

Sterilizzazione del cane, quando e perché

redazione