Socializzazione del cucciolo: come fare?



Come si fa la socializzazione del cucciolo?

Un cane non nasce pronto per essere calato nella nostra realtà: proprio come un bambino, deve imparare a distinguere gli aspetti del mondo che lo circondano, a rapportarsi con quelli positivi e a riconoscere quelli negativi. Da questo punto di vista, la socializzazione è un momento importantissimo per il tuo cucciolo: è qui che lui imparerà a giocare con i suoi simili, a prendere confidenza con i bimbi, a non aggredire gli estranei per partito preso e a vedere negli oggetti che lo circondano un’occasione per divertirsi, oppure qualcosa da cui stare alla larga. Ma come potrai aiutare il tuo cucciolo a socializzare? Ecco alcuni consigli utili!

Comincia subito con la socializzazione del cane

Il tuo cucciolo, dopo due settimane di vita, è già pronto per socializzare con gli altri cani e per prendere confidenza con le altre persone, inclusi i bambini. Attendere oltre non solo è inutile, ma anche potenzialmente dannoso: è proprio in questo periodo, infatti, che il cane comincia ad assorbire come una spugna e a farsi un’idea del mondo, che difficilmente cambierà in seguito. Il consiglio che ti diamo, dunque, è di iniziare con una fase di socializzazione controllata: scegli un parchetto tranquillo, spingilo a giocare con le persone e con gli altri cani ma senza liberarlo dal guinzaglio!

Non rinunciare mai all’aiuto della mamma del cucciolo

Separare un cucciolo dalla propria mamma, nei primi due mesi di vita, non è mai consigliato: la fase di imprinting, infatti, spingerà il cucciolo ad imitare la madre ed i fratellini anche e soprattutto per quanto riguarda i rapporti sociali e con gli altri cani. In questo modo il processo di socializzazione sarà più naturale e veloce: in assenza di questo fattore, invece, dovrai essere tu ad allenarlo, e si tratta di un compito molto più difficile! Una volta che il cagnolino si sarà abituato al mondo esterno e alla presenza di altri cani o persone, potrai portarlo anche in parchi o luoghi più rumorosi o confusionari: abituarsi, per lui, sarà molto più facile!

Commenta

Your email address will not be published.