Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Addestramento Educazione

Come educare un cane: gli errori da non commettere

Gli errori da non commettere nell'educare un cane

Educare un cane è un’operazione lunga, che richiede tantissima pazienza e abnegazione da parte tua: spesso, però, a pesare maggiormente non è tanto quello che fai per insegnare al tuo cane le buone maniere, quanto gli errori che commetti! Come educare un cane? Vediamo insieme gli errori da non commettere mai!

1. Punirlo quando commette uno sbaglio

Una delle cose peggiori che tu possa fare, quando cerchi di capire come educare un cane, è punirlo severamente quando fa qualcosa di sbagliato. Le punizioni, infatti, sono spesso fini a loro stesse e non servono per cambiare un suo comportamento sbagliato! Il motivo? Spesso sei portato a credere che il tuo cane abbia violato una regola: ma chi ti dice che il cucciolo abbia capito quella stessa regola? Riflettici sopra!

2. Viziarlo quando fa qualcosa di corretto

Festeggiare un cane quando risponde correttamente ad un insegnamento è una cosa, viziarlo un’altra: se comincerai a riempirlo di cibo, se gli permetterai di mangiare quando sei a tavola, o se gli consentirai di salire con te sul letto, lo autorizzerai a fare ciò che vuole e non riuscirai più a modificare questa sua idea!

3. Pensare che i cani siano tutti uguali

Spesso chi cerca di educare un cane commette un errore cruciale: pensare che il proprio cucciolo sia uguale a tutti gli altri. I cani non sono prodotti in serie: ogni razza ha le sue regole comportamentali, e ogni singolo cane ha il suo carattere e le sue predisposizioni individuali! Se non sarai bravo ad entrare in sintonia con il tuo cucciolo e a comprenderlo, non potrai mai educarlo a dovere.

4. Educare un cane con nervosismo

La frustrazione è una componente normalissima quando cerchi di educare un cane, ma non devi mai commettere l’errore di farla trasparire. Il tuo cucciolo sa capire benissimo quando sei nervoso e quando cerchi di imporgli qualcosa con fastidio: non sa cosa ha fatto di sbagliato, ma sa che è colpa sua. Il modo migliore per educarlo, dunque, è farlo con gioia senza colpevolizzarlo più di tanto!

 

Ti è stata utile questa lettura?

 
Le opinioni dei nostri lettori sono importanti per noi. Se hai ritenuto interessante questa lettura, ti invitiamo a darci un voto semplicemente cliccando sulle stelle che seguono.
 
0 / 5 (0 voti)